Bando indigenti: l’ex ministro Centinaio attacca Teresa Bellanova

2020-06-29T09:01:01+02:0029 Giugno 2020 - 09:00|Categorie: Mercato|Tag: , |

Roma – Gian Marco Centinaio, ex ministro delle Politiche agricole, all’attacco di Teresa Bellanova, attuale titolare del dicastero. Motivo del contendere, l’esclusione del Consorzio pecorino romano Dop dal bando indigenti da 50 milioni di euro, pensato per dare ossigeno alla filiera agroalimentare provata dal calo delle vendite durante l’emergenza. Spiega in una nota il senatore leghista: “Il presidente del Consorzio del Pecorino romano sbugiarda il ministro Bellanova: l’iter degli stanziamenti che avevo avviato per il sostegno agli indigenti nazionali è stato bloccato, questo ha generato gravi ritardi, la Sardegna è stata esclusa dal bando post Covid ed è falso dire, come ha fatto il ministro, che gli Enti benefici non richiedono forniture di pecorino romano. Abituata a prendersi i meriti per il lavoro degli altri, il ministro Bellanova non sa neanche più a che cosa aggrapparsi. Dalla Sardegna alla Puglia, passando per le altre filiere di eccellenza del nostro Paese, la sequenza di pasticci e di risposte mancate si allunga sempre più. Purtroppo a fare le spese di tanta incompetenza è l’agroalimentare italiano e i lavoratori, a cui va tutta la nostra vicinanza e solidarietà”.

In foto: Gian Marco Centinaio

Torna in cima