Mipaaf, Conad e Federdistribuzione siglano un patto contro le aste al ribasso

2017-06-29T10:11:35+01:0029 Giugno 2017 - 08:46|Categorie: Retail|Tag: , , , , |

Roma – Il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, ha firmato con Giovanni Cobolli Gigli di Federdistribuzione e Sergio Imolesi di Ancd Conad un patto per promuovere, attraverso un codice etico, pratiche commerciali leali lungo l’intera filiera agroalimentare. In particolare, nell’accordo siglato ieri, le organizzazioni della grande distribuzione si impegnano a non fare più ricorso alle aste elettroniche inverse al doppio ribasso per l’acquisto di prodotti agricoli e agroalimentari. “C’è bisogno di trasparenza nella filiera e verso i consumatori”, ha detto Martina,”e il Codice etico sottoscritto oggi va proprio in questa direzione. Da tempo stiamo lavorando per garantire più equilibrio e più equità nei rapporti tra produzione e distribuzione anche nell’ottica di una maggiore tutela dei diritti dei lavoratori. Noi ci siamo. L’accordo di oggi impone uno stop alle aste al doppio ribasso, dando una risposta anche a tante organizzazioni e cittadini che hanno animato in queste settimane la campagna #ASTEnetevi”. L’iniziativa è stata promossa da Terra!, Flai-Cgil, Sud e dalla campagna #FilieraSporca. “Va riconosciuto a Federdistribuzione e Conad di aver colto rapidamente il nostro invito a fare un salto di qualità su questo fronte”, ha continuato il ministro. Ma come funziona il meccanismo delle aste? Riguarda diversi prodotti: pomodoro, olio, caffè, legumi e conserve di verdura. Su questi, le centrali d’acquisto della Gdo chiedono ai fornitori di avanzare un’offerta. Una volta raccolte le proposte, si lancia un’altra asta al ribasso. Spesso chi si aggiudica la fornitura si è spinto talmente oltre da doversi rivalere sui produttori. Che non riescono a garantire i diritti fondamentali ai lavoratori agricoli. Le aziende della Gd che hanno sottoscritto il protocollo si impegnano, tra le altre cose, ad adottare misure di massima trasparenza nell’utilizzo di piattaforme elettroniche di acquisto e approvvigionamento e a valorizzare la stagionalità e la provenienza dei prodotti agricoli e alimentari.

Torna in cima