DIRETTA EUROCARNE
Al via l’edizione 2012

Verona – Si apre oggi, a Verona, l’edizione 2012 di Eurocarne: il salone triennale delle tecnologie e dei prodotti per la lavorazione, conservazione, refrigerazione e distribuzione delle carni (nella foto lo stand Tecnobrianza). La manifestazione, in scena fino a domenica 27 maggio, vede la partecipazione di 315 espositori, italiani e esteri. E proprio il respiro internazionale caratterizza questa manifestazione, organizzata da Veronafiere in collaborazione con Ipack-Ima. Il 32% delle aziende presenti proviene, infatti, da 19 paesi diversi. Grazie anche alla collaborazione con Ice, sono attesi inoltre, più di cento buyer, provenienti Sud America, Europa comunitaria e Centro Orientale, Medio Oriente e bacino del Mediterraneo. Una presenza strategica per le imprese italiane. Con un’incidenza del 70% su un business da 221 milioni di euro, l’export è, infatti, un comparto chiave per il settore della meccanica e delle attrezzature per l’industria delle carni.

Eurocarne è anche l’occasione per fare il punto sulle tematiche e sui trend del mercato delle carni e dei salumi.

Tra gli appuntamenti di oggi segnaliamo:

–       alle ore alle 10,30 presso la Sala Salieri, la conferenza stampa di presentazione di Eurocarne. Parteciperanno Ettore Riello, presidente di Veronafiere, Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere, Emilia Arosio, presidente Eurocarne 2012 e presidente Assofoodtec e Guido Corbella, amministratore delegato Ipack-Ima. Nel corso della conferenza il professore dell’Università Bocconi di Milano, Jacopo Mattei, presenterà la ricerca condotta da Food-Tech Lab sulla struttura dell’industria della lavorazione delle carni;

–       alle ore 14,30, presso l’area forum, padiglione 2, si terrà il convegno, promosso da Assica, Ivsi (Istituto valorizzazione salumi italiani) e Isit, (Istituto salumi italiani tutelati) dedicato ai nuovi valori nutrizionali dei salumi italiani. Verranno presentati i risultati della ricerca “Meno sale, meno grassi, più salute. Nuovi valori per i salumi italiani”, realizzata da Inran, (Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione) e Ssica (Stazione sperimentale per l’industria delle conserve alimentari).
(PF)