ESTERI
Ristorazione a rischio da Harrods (e anche 700 posti di lavoro)

Londra (Regno Unito) – Con le ricadute della pandemia di Coronavirus che continuano a colpire l’attività del settore della vendita al dettaglio in tutto il mondo, il grande magazzino londinese Harrods avrebbe intenzione di eliminare fino a 700 posti di lavoro, pari al 14% del suo personale. I primi a subire maggiori perdite potrebbero essere i segmenti che operano nelle aree più colpite dalla crisi sanitaria (e dalle misure adottate per combatterla): vale a dire ristoranti e locali. Il Ceo della società, Michael Ward, ha informato i 4.800 dipendenti dell’azienda. Spiegando che ci vorrà un po’ di tempo, così come un “radicale miglioramento della congiuntura esterna, perché la nostra azienda possa rimettersi in piedi e ritrovare un cammino di crescita”.


ARTICOLI CORRELATI