Eurocarne cambia format. Il focus è sulla sostenibilità e sul rilancio dei consumi

Isola della Scala (Ve) – Si svolgerà dal 31 gennaio al 3 febbraio 2018, per la prima volta in concomitanza con Fieragricola, la 27esima edizione di Eurocarne, salone internazionale dedicato alla filiera delle carni. Obiettivo della manifestazione, la cui presentazione ha avuto luogo oggi a Isola della Scala, in provincia di Verona, è quello si rafforzare la sinergia fra sistema allevatoriale e filiera delle carni, per rilanciare i consumi di un comparto che vale oltre 30 milioni di euro (il 15% circa del fatturato dell’industria agroalimentare). Rinnovato quindi il format fieristico, capace di riunire tutti i protagonisti di questa filiera: produttore, macellatore, trasformatore, distributore, consumatore, senza dimenticare – novità dell’edizione 2018 – il circuito della filiera corta. “L’alleanza con Fieragricola, evento storico di Veronafiere, dedicato al comparto primario e giunto alla sua 113esima edizione”, spiega Claudio Valente, presidente di Veronafiera, “rafforza ulteriormente il ruolo del comparto zootecnico, che già dal 2014 ha iniziato un percorso di riposizionamento e di rilancio”. In base alle ultime elaborazione Ismea dei dati Istat e Nielsen, nel 2016 abbiamo assistito a un arresto della contrazione dei consumi di carne bovina, con le produzioni italiane che hanno tenuto molto di più rispetto alle carni di provenienza estera.