Il ‘no’ di FederBio e AssoBio all’accordo sul prezzo del pomodoro da industria biologico

Bologna – FederBio e Assobio contestano l’iniziativa sottoscritta nei giorni scorsi fra produttori e industriali per il Nord Italia campagna 2020 sul quadro di riferimento del pomodoro da industria biologico. come scrivono le Associazioni in una nota, “pur incrementando di circa il 4% il compenso al produttore rispetto agli anni precedenti, il prezzo concordato di 136 euro a tonnellata continua a testimoniare una situazione di grave rischio per l’integrità delle filiere e dell’intero settore”. Entrambe le Associazioni da sempre si impegnano nella tutela della trasparenza del mercato biologico e nel mettere in campo strumenti adeguati per garantire ai lavoratori e all’intero settore agricolo prospettive di sviluppo.

In foto: Roberto Zanoni (AssoBio) e Maria Grazie Mammuccini (FederBio)


ARTICOLI CORRELATI