Inchiesta Report sul Prosecco: il M5S chiede rispetto della mozione ‘anti pesticidi’

Roma – “Un’eccellenza mondiale del made in Italy come il Prosecco non può macchiarsi dell’abuso dei pesticidi, tra cui il glifosato, che vengono dispersi sui vitigni che godono dei marchi di qualità Doc e Docg senza tenere conto dei rischi per l’ambiente e la salute delle comunità locali”. È questa la dichiarazione rilasciata dai deputati del M5S in Commissione Agricoltura, insieme con i parlamentari del Veneto, in riferimento all’inchiesta di Report andata in onda nella puntata del 14 novembre della trasmissione di Rai3. “Come già evidenziato, tra le diverse criticità permangono quelle relative alla sostenibilità ambientale”, aggiunge poi la deputata M5S Silvia Benedetti. “Dai processi di produzione vanno eliminate in modo definitivo alcune sostanze chimiche che invece sono ancora utilizzate in territori, come appunto quelli del Prosecco, dove si producono eccellenze famose in tutto il mondo”. L’onorevole, infine, conclude: “Chiediamo che, nel rispetto della mozione del M5S ‘anti pesticidi’ approvata in Parlamento oltre un anno fa, la filiera vitivinicola tenga conto dell’integrazione tra ambiente produttivo e attività umane e riveda il modo in cui utilizza i fitosanitari investendo una parte dei cospicui guadagni nelle tecnologie applicate per garantire maggiori standard di sostenibilità e tutelando l’ambiente e la salute delle popolazioni locali”.


ARTICOLI CORRELATI