Natale: le previsioni Vinarius su trend e vendite di vino

Milano – Vinarius, associazione delle enoteche italiane che conta un centinaio di soci in tutto il Paese, traccia una panoramica delle aspettative di vendita per il periodo invernale e analizza i trend del recente passato. “Nel complesso le aspettative di vendita sono ottimistiche”, spiega Andrea Terraneo, presidente Vinarius. “Con riferimento al solo periodo di Natale, negli ultimi cinque anni abbiamo registrato, in generale, numeri in progressiva crescita per tutte le tipologie analizzate – rossi, bianchi, spumanti e dessert – fino ad aumenti anche del +20% e questo ci fa ben sperare anche per la stagione appena iniziata”. Secondo i dati Vinarius, nel quinquennio preso in considerazione, registrata un’ascesa fisiologica per la categoria degli spumanti: Franciacorta, Champagne e TrentoDoc in primis. A seguire i vini bianchi: Alto Adige e Collio i territori più richiesti, insieme ai vini da vitigni autoctoni. Bene, poi, anche i vini rossi: Brunello, Amarone, Barolo e i vini da vitigni autoctoni si confermano i più scelti. Tra le etichette da dessert, infine, in pole position i vini a vitigno Moscato, seguiti da quelli della Denominazione Pantelleria e a dai passiti autoctoni anche a bacca rossa. “Dopo gli ottimi risultati del periodo estivo, che hanno riportato, per oltre la metà delle enoteche, un aumento delle vendite rispetto all’estate 2017 compreso tra il +10 e il +15%, anche il periodo invernale alle porte sembra promettere numeri in crescita”, conclude Terraneo.

 

In foto, Andrea Terraneo, presidente Vinarius.


ARTICOLI CORRELATI