Nel 2020, gli Usa potrebbero affrontare una carenza di carne suina

Washington (Stati Uniti) – Nel 2020, la carenza di carne di maiale, che sta ora interessando il mercato cinese a causa della peste suina, potrebbe interessare anche quello americano. È quanto riporta Bloomberg, che rivela le previsioni di Smithfield Foods Inc., principale produttore mondiale di carni suine, secondo cui, il prossimo anno, la Cina sarà costretta a incrementarne le importazioni per fronteggiare una prolungata penuria di proteine animali sul mercato. Il produttore rassicura che privilegerà il mercato nazionale, ma la maggiore domanda cinese comporterà una minore disponibilità per i consumatori Usa di alcuni specifici tagli. Pechino, infatti, è solita acquistare mezze o intere carcasse. Aumenterà anche la richiesta di prosciutto. Secondo quanto riporta Bloomberg, queste stesse previsioni dovrebbero avverarsi anche qualora la Cina mantenesse i dazi contro gli Stati Uniti.


ARTICOLI CORRELATI