Parmalat: sindacati e politici locali contro la chiusura degli stabilimenti (1)

Milano – Cittadini, lavoratori, sindacati e amministrazioni locali. Il piano industriale presentato da Lactalis per la controllata Parmalat, che prevede la chiusura degli stabilimenti di Como e Cilavegna (Carnini) e Genova (Centrale del latte di Rivarolo) mette tutti contro il colosso francese. Scorrendo le pagine locali dei quotidiani delle città coinvolte, si legge tutta la rabbia dei protagonisti, che si sentono traditi dalle intenzioni annunciate da Lactalis. Dice il sindaco di Villa Guardia, Alberto Colzani, al quotidiano La Provincia: “Carnini, per Villa Guardia, è un marchio storico, anzi, di più, è parte dell’identità del paese”. I lavoratori Carnini, intanto, riuniti in assemblea, hanno stabilito il blocco agli straordinari, oltre a due ore di sciopero in concomitanza dell’incontro dei vertici Lactalis con i sindacati, il 4 luglio a Parma. Inoltre, chiedono all’azienda di mantenere la produzione nei siti Carnini. (segue)
(AR)


ARTICOLI CORRELATI