Sardegna (11). Gli allevatori di 3A: “Era una protesta giusta. Ma ora si sta esagerando”

Milano – “Questa è la seconda volta nel giro di poche ore che la cisterna parte inutilmente. Il frigo è ormai pieno e il latte in eccesso viene buttato, dato che ormai il ritiro del latte non si sta effettuando. Era una protesta giusta, io in primis ero dalla vostra parte, come anche tutti gli altri allevatori di vacche, e come la 3A. Ma ora si sta esagerando. Cosa c’è di difficile da capire? La 3A non ha nulla a che vedere col prezzo del latte ovino. E sicuramente danneggiare i prodotti Arborea non farà aumentare il prezzo del vostro latte”. E’ lo sfogo di uno dei tanti soci di 3A, la cooperativa che conferisce latte vaccino ad un’altra cooperativa, la Arborea, ripreso su Facebook da diversi gruppi di allevatori. Che mostra come la situazione sia sfuggita di mano, arrivando persino a danneggiare altri colleghi che, semplicemente, fanno il proprio lavoro. Continua l’allevatore: “Siete passati dalla ragione al torto, e tutto perché una parte di chi protesta non capisce un cazzo, va li solo per fare gazzosa e per farsi vedere. Spero al più presto che chi di dovere intervenga perché non si può andare avanti così. Grazie “pastori” perché grazie a voi, 11mila litri di latte sono stati buttati inutilmente, sarete voi a ripagarci quando il vostro latte sarà aumentato di prezzo? Io sto con i pastori, ma quelli che sanno quel che fanno, e che non arrecano danno agli allevatori”.


ARTICOLI CORRELATI