Ue, contrasto alle pratiche commerciali sleali: via libera al provvedimento dalla commissione Agricoltura

Bruxelles (Belgio) – La commissione Agricoltura del Parlamento europeo ha votato con una schiacciante maggioranza (38 a favore, 4 contrari e 2 astenuti) la messa al bando delle pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare. Lo annuncia Paolo De Castro, vicepresidente ComAgri e relatore del provvedimento, che dichiara: “Abbiamo difeso contro le grandi piattaforme di acquisto i consumatori e le aziende agricole e agroalimentari indipendentemente dalla loro dimensione economica. Il voto è la dimostrazione che quando in Europa si fa squadra lavorando in modo costruttivo, si portano a casa i risultati: abbiamo detto no alla cancellazione last minute degli ordini, ai ritardi nei pagamenti ai fornitori, alle modifiche unilaterali dei contratti, ai mancati pagamenti ai fornitori per la merce invenduta”. Ora, spiega ancora l’eurodeputato, l’iter prevede che il prossimo 22 ottobre la plenaria di Strasburgo del parlamento Ue dia il via libera al testo votato il 1° ottobre in commissione, dando inizio ai negoziati inter-istituzionali che porteranno a un’approvazione definitiva entro Natale.

 

In foto, il momento della votazione in commissione Agricoltura.


ARTICOLI CORRELATI