Usa: avviata la consultazione pubblica per la revisione dei prodotti soggetti a dazi

Washington (Usa) – Prende il via oggi sul sito del Dipartimento del Commercio Usa (Ustr) la consultazione pubblica sulle liste di prodotti d’importazione a cui potrebbero essere applicati nuovi o ulteriori dazi. Conseguenza della disputa Usa-Ue sui finanziamenti a Boeing e Airbus, che ha visto il Wto fissare in 7,5 miliardi di dollari i nuovi dazi che Washington può imporre ai prodotti europei. All’Allegato I del documento (clicca qui per scaricarlo) è pubblicata la lista con i prodotti già colpiti dai dazi. Su questi prodotti l’Ustr si riserva di decidere se mantenerli, incrementarli o rimuoverli. All’Allegato II è inserita la lista che riprende gli elenchi di aprile e luglio 2019, con i prodotti attualmente non soggetti a dazi. All’Allegato III, invece, compare un nuovo elenco di prodotti da quattro Paesi – Francia, Germania, Spagna e Regno Unito – ossia i soci di Airbus che potrebbero pagare il conto più salato. Da una prima analisi effettuata dall’Ambasciata in collaborazione con l’Ufficio Ice di New York e riportata da Federvini emerge che – nel caso in cui al termine della consultazione l’intera lista di prodotti venisse confermata – ai circa 500 milioni di dollari del nostro export colpito dalle precedenti revisioni si potrebbero aggiungere beni per un valore complessivo massimo di 4,7 miliardi di dollari. L’alimentare è ancora una volta tra i settori merceologici più a rischio, con particolare riferimento ai vini e agli spumanti, all’olio di oliva, alla pasta, al caffè e ai formaggi. Il termine della consultazione è stato fissato per il 26 luglio.

Tags: ,

ARTICOLI CORRELATI