Crisi L’Alco: 20 punti vendita nel mirino di Conad. C’è anche una seconda offerta

2021-04-30T09:58:59+01:0026 Aprile 2021 - 12:48|Categorie: in evidenza, Retail|Tag: , , |

Rovato (Bs) – Conad punta a rilevare 20 punti vendita del gruppo L‘Alco. La società della famiglia Conter ha chiuso tutti i punti vendita nelle scorse settimane e si trova in grave crisi da diversi mesi, come abbiamo documentato (clicca qui). Ora ci sarebbe un interesse di Conad, e la conferma sarebbe arrivata proprio dalla famiglia Conter nel corso dell’ultima riunione in prefettura. Come ha comunicato il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, rispondendo a un’interrogazione il 21 aprile, l’offerta riguarda “più della metà dei punti vendita al dettaglio e tutti i centri commerciali”. L’Alco grandi magazzini e L’Alco Spa (due delle tre società del gruppo) hanno presentato domanda di concordato con riserva. Entro luglio, scrive Emanuele Scarci, i giudici hanno chiesto le proposte definitive di concordato preventivo o domanda di omologa di accordi di ristrutturazione dei debiti. Il terzo ramo è invece Gestione Centri Commercial e avrebbe presentato richiesta di concordato il 19 aprile, secondo fonti interne al gruppo. “Sul versante delle offerte”, aggiunge Orlando, “l’azienda ha riferito che è pervenuta una seconda offerta, in competizione con quella già presentata. Pertanto il giudice è orientato a prevedere una gara competitiva per l’assegnazione degli asset aziendali. In conclusione, rassicuro gli onorevoli interroganti in merito all’attenzione da parte del Governo e da parte delle istituzioni locali”.

Torna in cima