Dunnhumby: è H-E-B il grocery e-commerce preferito d’America

2022-06-30T14:53:54+02:0030 Giugno 2022 - 14:53|Categorie: Retail|Tag: , , , |

San Antonio (Texas) – Più di 420 punti vendita tra il Texas (360) e il Messico (50) e vendite per 34 miliardi di euro. Sono i numero di H-E-B, insegna della Gdo statunitense che nel 2021 ha spento 116 candeline. Una storia di successo che ora si fregia di una medaglia in più: quella di grocery e-commerce preferito d’America, almeno secondo i risultati di un’indagine condotta dalla società di analisi dei consumatori Dunnhumby. Focus dell’analisi è il livello di soddisfazione del consumatore, chiamato a decretare quale portale sapesse fornirgli l’esperienza d’acquisto più gratificante. H-E-B, già ai primi posti delle classifiche per quanto riguarda la shopping experience in-store, si è posizionata al primo posto del ranking superando colossi quali Amazon e Amazon Fresh (2° e 3°), Walmart (4°) e Sam’s Club (5°). Seguono Kroger, BJ’s Wholesale Club e Sprouts Farmers Market. “Il successo di H-E-B dimostra che è possibile competere e vincere contro Amazon quando si tratta di e-commerce agroalimentare”, commenta Grant Steadman, presidente di Dunnhumby Nord America. “E offre alle insegne della Gdo regionale e di medie dimensioni un modello di come essere vincenti in questo canale”. Nel post-pandemia H-E-B ha visto le vendite online balzare del +27%: il massimo tra tutti i retailer nell’indice di Dunnhumby. La società ha anche evidenziato gli elementi che maggiormente influenzano la scelta di una piattaforma d’acquisto online nel grocery: il fatto di gestire l’e-commerce in proprio, senza affidarsi a intermediari, è risultato il più importante. Seguono la semplicità e affidabilità del servizio, anche per la sostituzioni degli ordini, la qualità del prodotto e i prezzi. Sorprendentemente, quello dei prezzi è risultato essere il driver meno significativo.

Torna in cima