Ima presenta il bilancio di sostenibilità 2021

2022-11-24T12:00:17+01:0024 Novembre 2022 - 12:00|Categorie: Tecnologie|Tag: , , , , , , |

Ozzano dell’Emilia (Bo) – Ima, il gruppo bolognese specializzato nella progettazione e produzione di macchine automatiche per il packaging e processing, presenta il bilancio di sostenibilità 2021. Con 60 anni di attività compiuti proprio lo scorso anno, il colosso è presente in 80 paesi con 53 siti produttivi e ha chiuso l’esercizio 2021 con ricavi consolidati pari a 1,7 miliardi di euro.

“Tenendo conto degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu previsti nell’Agenda 2023”, spiega a Milano Finanza l’Ad Alberto Vacchi, “nel 2021, abbiamo investito 61 milioni di euro (3,6% dei ricavi) in ricerca e innovazione. Impegnandoci a potenziare la rete di laboratori OpenLab, inaugurandone uno negli Usa. L’ampliamento della rete punta a favorire una sempre maggiore comprensione delle esigenze locali in tema di sostenibilità”.

Grazie al monitoraggio delle emissioni, il Gruppo ha potuto formulare un sistema di gestione delle emissioni certificato Iso 14064-1, al fine di monitorare l’andamento e identificare le aree a maggior impatto su cui intervenire. Nel 2021, ammontano a 20mila le tonnellate di Co2 equivalente compensate con crediti di carbonio acquistati. “Per gli anni a venire stiamo considerando di estendere il confine delle emissioni ridotte e/o compensate anche alle emissioni indirette”, continua l’Ad. Che sottolinea come sostenibilità non sia da intendersi solo a livello ambientale. “Per Ima, le persone rappresentano un vero e proprio capitale, il Gruppo promuove il rispetto dei lavoratori contrastando ogni forma di discriminazione e promuovendo i diritti fondamentali dell’uomo”.

 

 

Torna in cima