In un documento interno, Nestlè dichiara: “La maggior parte dei nostri prodotti non è salutare”

2021-06-04T09:35:46+01:001 Giugno 2021 - 11:36|Categorie: in evidenza, Mercato|Tag: , , |

Vevey (Svizzera) – La maggior parte dei cibi e delle bevande prodotte dal colosso alimentare svizzero Nestlè sono malsani e non potranno mai essere considerati salutari, indipendentemente da quanto si rinnovano. È quanto emerge in un documento interno della società, preparato all’inizio dell’anno corrente, e ripreso in un articolo del Financial Times. Stando alla dichiarazione, infatti, solo il 37% delle referenze prodotte da Nestlé ha ottenuto un punteggio di oltre 3,5 punti in un sistema di valutazione australiano con un punteggio massimo di 5 stelle, utilizzato dagli esperti del settore in tutto il mondo. Secondo il quotidiano finanziario, il documento mette in luce che circa il 70% dei prodotti alimentari, il 96% delle bevande e il 99% di pasticceria e gelati, non raggiunge quella soglia. Va meglio per le acque (l’82% è sopra i 3,5 punti) e i prodotti lattiero-caseari (60%). I dati escludono i prodotti per bambini, il cibo per animali, il caffè puro e gli alimenti per persone con condizioni mediche specifiche. “Abbiamo apportato miglioramenti significativi ai nostri prodotti, ma il nostro portafoglio ha ancora prestazioni inferiori alle definizioni esterne di salute in un ambiente in cui la pressione normativa e le richieste dei consumatori sono alle stelle”, ha evidenziato il documento di Nestlé.

Torna in cima