Assemblea Parmigiano Reggiano: approvato il piano di regolazione dell’offerta

Parma – L’assemblea generale dei consorziati del Parmigiano Reggiano, che si è tenuta oggi a Parma (foto), ha approvato all’unanimità il bilancio consuntivo 2017 e l’accordo per il nuovo piano di regolazione dell’offerta. Il bilancio 2017 mostra un incremento della produzione pari al 5,2% che corrisponde a 180.697 forme in più rispetto al 2016. Un record assoluto per il Parmigiano Reggiano, che chiude il 2017 con 3.650.562 forme totali. L’assemblea ha approvato anche l’accordo preventivo per la regolazione dell’offerta, sia la modifica del piano 2017-2019, sia per quello 2020-2022, che seguirà le medesime direttive. Tale accordo dovrà essere successivamente approvato da caseifici e allevatori per poi essere trasmesso al ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali per la valutazione e la formale approvazione. Previste alcune novità. La prima è la Pec (Produzione di equilibrio comprensoriale), che corrisponde al livello al di sotto del quale il Consorzio non applicherà contribuzioni aggiuntive, fissato in 17,8 milioni di quintali di latte trasformato per il 2019. Compare anche la figura del ‘grande splafonatore’ (l’allevatore che supera del 20% la quota assegnata), cui verrà imputata una contribuzione unica pari a 25 euro al quintale.


ARTICOLI CORRELATI