Crisi Ferrarini, l’allarme della Flai-Cgil: “Mancano le materie prime”

Parma – Il sindacato degli alimentaristi della Cgil lancia l’allarme sulla crisi del gruppo Ferrarini. Denunciando la scarsità di materia prima e il rischio che non ci siano le risorse per il contratto di solidarietà. Lo rende noto la Flai-Cgil di Parma a margine di un tavolo istituzionale, presieduto dai sindaci del territorio, tenutosi giovedì scorso. Il sindacato segnala come “la mancanza di materia prima fresca e la mancanza di risorse economiche stiano portando allo svuotamento degli impianti con un preoccupante calo di lavoro che, senza interventi immediati, porterebbe a mettere in discussione fin dai primi mesi del nuovo anno l’utilizzo del contratto di solidarietà, ad oggi unico ammortizzatore sociale concesso”. Fonti solitamente bene informate riferiscono di una proroga alla presentazione del piano industriale. Avrebbe dovuto essere presentato dalla proprietà entro Natale, come era stato stabilito a fine luglio. Ma la famiglia Ferrarini si appresta a chiedere altri due mesi di tempo.   


ARTICOLI CORRELATI