Diretta Coronavirus/Il sostegno di Lactalis al personale ospedaliero e alle comunità

Milano – Fin dai primi giorni dell’emergenza Coronavirus, Lactalis Italia ha adottato una serie di iniziative a sostegno dei propri dipendenti e delle comunità in cui opera. Oltre a un bonus di 250 euro e una copertura assicurativa per tutti i dipendenti, il Gruppo vuole sostenere tanto le famiglie colpite dall’emergenza, quanto il personale sanitario impegnato in prima linea. Per questo motivo, ha donato all’assistenza volontaria di Salsomaggiore Terme e dell’Asl Roma2 di Roma non solo prodotti, ma anche materiali come tute sterili e altri strumenti utili per le protezioni individuali. I formaggi e salumi Galbani, i succhi Santàl e gli yogurt Lnpf sono stati consegnati all’ospedale San Matteo di Pavia, al Sacco di Milano, agli ospedali di Vicenza San Bortolo e Santorso, agli Ospedali di Parma e Bari e al Policlinico Tor Vergata di Roma e, dalla prossima settimana, anche agli operatori medici del nuovo Ospedale Fiera Milano. Inoltre, Lactalis, grazie alla linea di Food Service, rifornirà le mense dei 500 operai che stanno lavorando alla costruzione del secondo padiglione dell’Ospedale Fiera Milano. Supporto anche agli ospedali da campo allestiti a Cremona e a Bergamo attraverso la fornitura di prodotti del Food Service per le cucine.  Il Gruppo ha dato il proprio sostegno anche ad associazioni di volontariato attive nelle comunità in cui è presente Lactalis. A Milano, sono stati messi a disposizione della Croce Rossa Italiana due furgoncini per la raccolta, lo stoccaggio e la distribuzione di generi alimentari a tutte le persone che hanno difficoltà a procurarsi da sole beni alimentari di prima necessità. Nella zona di Parma, invece, Lactalis ha coperto le spese che l’Assistenza Pubblica di Collecchio, Sala Baganza e Felino sta affrontando per un mezzo sanitario dedicato ai soli servizi per Coronavirus. Non manca infine l’aiuto alle associazioni che si occupano delle fasce più deboli della popolazione.


ARTICOLI CORRELATI