Efsa: potenziali rischi sulla salute derivati da contaminanti presenti in oli vegetali e margarine

Parma – Pubblicato, sul portale dell’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare), un nuovo parere scientifico. Secondo il gruppo di esperti Contam, i contaminanti da processo a base di glicerolo presenti negli oli vegetali, tra cui l’olio di palma, nelle margarine e in alcuni prodotti trasformati, danno adito a potenziali problemi di salute per il consumatore medio di tali alimenti nelle fasce d’età più basse e per i forti consumatori di ogni età. Queste sostanze – glicidil esteri degli acidi grassi (Ge), 3-monocloropropandiolo, 2-monocloropropandiolo e loro esteri degli acidi grassi – si formano durante le lavorazioni, in particolare durante le raffinazioni ad alte temperature (circa 200° C). Helle Knutsen, presidente del Contam, dichiara: “L’esposizione a queste sostanze dei bambini che consumino esclusivamente alimenti per lattanti costituisce motivo di particolare preoccupazione, in quanto è fino a 10 volte quella considerata di lieve preoccupazione per la salute pubblica”. La nota, però, precisa: “La disamina del gruppo ha messo in luce che i livelli di Ge negli oli e grassi di palma si sono dimezzati tra il 2010 e il 2015, grazie alle misure volontarie adottate dai produttori. Ciò ha contribuito a un calo importante dell’esposizione dei consumatori a dette sostanze”.