Italia del vino – Consorzio: una regia comune per la promozione in Cina

Roma – Creare una cabina di regia comune per il vino italiano, per ottimizzare le iniziative nel mercato cinese. La proposta arriva da Italia del vino, Consorzio privato a cui partecipano alcune delle maggiori aziende vinicole italiane. “Sui mercati del futuro, quali la Cina, si gioca la partita strategica dei prossimi anni”, ha affermato Ettore Nicoletto, presidente del Consorzio. “L’offerta complessiva italiana è troppo frammentata per poter ottenere risultati importanti”. Le etichette della Penisola sono ancora troppo poco conosciute e consumate nel mercato cinese: “Per capirci: nel 2011 la Cina ha consumato 156 milioni di casse di vino, 130 sono di vino cinese. Dei 26 milioni restanti, 8 sono di vino francese e soltanto 1,4 milioni arrivano dall’Italia. Troppo poco, dobbiamo invertire questa situazione e migliorare le nostre performance complessive”. (PF)

 


ARTICOLI CORRELATI