Negli Stati Uniti rinasce il pane dei faraoni

Boston (Usa) – Il pane dei faraoni rinasce negli Stati Uniti. Il fornaio sarà Seamus Blackley, già creatore della Xbox per la Microsoft di Bill Gates, e che, come racconta il New York Times, è un appassionato di grani antichi e panificazioni particolari. Ora, assieme a Richard Bowman, biologo dell’Università dello Iowa, e all’egittologa Serena Love, ricercatrice all’Università del Queensland, in Australia, Blackley ha recuperato un antico lievito egiziano, attraverso le ceramiche egizie, ora conservate al museo di Boston, che all’epoca dei faraoni erano utilizzate per contenere birra e pane. Blackley, inoltre, aveva anche un campione di pane del Medio Regno, ritrovato nel tempio dedicato al faraone Mentuhotep II, da cui è riuscito a estrarre il lievito. Le spore, isolate e sterilizzate, sono state poi risvegliate e coltivate per una settimana prima di procedere alla panificazione. Per avvicinarsi il più possibile a quello che gli egizi avrebbero riconosciuto come pane, Blackley ha abbinato i lieviti a un macinato di orzo e di farro monococco, gli antenati del grano moderno.


ARTICOLI CORRELATI