Vendemmia 2017: nella Ue, produzioni ai minimi storici

Bruxelles (Belgio) – Copa e Cogeca, organizzazioni che rappresentano gli agricoltori europei, tracciano un bilancio sulla vendemmia 2017. I nuovi dati rivelano di una delle raccolte più basse di sempre nella Ue, con una quota complessiva di circa 145 milioni di ettolitri di vino. Thierry Coste, presidente del gruppo di lavoro ‘Vino’ del Copa e della Cogeca, spiega: “Quest’anno i nostri vigneti sono stati fortemente colpiti dal cambiamento climatico e da eventi climatici estremi, come gelate e siccità, per cui si prevede che il raccolto sarà inferiore del 14% rispetto ai livelli dell’anno scorso. Nella migliore delle ipotesi, in Francia sarà raggiunto un minimo storico di 37 milioni di ettolitri, vale a dire una riduzione del 18% sul 2016. In Italia si prevede di raggiungere i 40 milioni di ettolitri, vale a dire una riduzione del 26%. In Spagna si prevede una produzione di circa 36 milioni di ettolitri, vale a dire una riduzione del 20%. Il Portogallo è l’unico paese in cui vi è stato un aumento di circa il 10% rispetto ai livelli dell’anno scorso”. Dall’organizzazione comunitaria annunciato un aumento dei prezzi, che però non sarà sufficiente a compensare alcuni produttori per le perdite subite.