Massimo Bottura: cinque misure per ridare fiducia ai ristoratori

2020-10-27T11:09:56+02:0027 Ottobre 2020 - 11:09|Categorie: Luxury|Tag: , , , |

Milano – “Serve un segnale che ci riporti fiducia. Ora si rischia la depressione”, così scrive lo chef Massimo Bottura in un articolo pubblicato oggi sul Corriere della Sera, in cui illustra le misure concrete di cui i ristoratori avrebbero bisogna in questo momento di profonda crisi. Il cuciniere chiede innanzitutto la chiusura serale almeno alle 23. I ristoratori hanno poi bisogno di liquidità in parametro ai fatturati e della cassa integrazione, almeno finché la situazione del settore turistico non si sia stabilizzata. Chiede inoltre la decontribuzione 2021 e dell’abbassamento dell’aliquota Iva al 4% per il prossimo anno. “La mancanza di contante porta prima di tutto al mancato pagamento degli stipendi, poi dei fornitori, le rate dei mutui e infine gli affitti”, scrive Bottura. “Ora abbiamo bisogno di coraggio e di stimoli. Per trovare la voglia di continuare e non sentirci soli”.

Torna in cima