Gdo, beverage: vendite in crescita del 13,6% nel primo trimestre 2021. Birra e vino in testa

2021-05-17T10:29:52+02:0012 Maggio 2021 - 10:10|Categorie: Beverage, Vini|Tag: , , , |

Assago (Mi) – Crescono gli acquisti nel comparto delle bevande nella Grande distribuzione. Lo rivela l’analisi di Nielsen sull’evoluzione del carrello della spesa (online e offline) degli italiani tra gennaio e marzo di quest’anno. A riportare lo scenario delineato dalla società di ricerche è Il Sole 24 Ore. Ciò che emerge è che il segmento beverage ha incassato 315 milioni di euro in più rispetto al 2020, mettendo a segno una crescita del 13,6% soltanto nel periodo considerato. Un aumento circa quattro volte maggiore di quello registrato dal Largo consumo in genere (+3,5%, pari a cinque miliardi di euro). Nella lista delle 15 categorie più performanti stilata da Nielsen, sette appartengono al mondo del bere, di cui sei agli alcolici. In testa le birre, con 70,4 milioni di euro di vendite nel primo trimestre. Subito dopo i vini Doc e Docg italiani (60,2 milioni di euro), mentre in quinta posizione gli spumanti Charmat secchi (37,9 milioni di euro). In ottava i brown puri (22,5 milioni di euro in più) e, rispettivamente al 12esimo e 13esimo posto, gli aperitivi alcolici (18,5 milioni di euro) e i vini Igp e Igt italiani (18,1 milioni di euro). Penultima la cola, unica bevanda analcolica della classifica, con 16,7 milioni di euro di vendite. “Questi numeri”, spiega Romolo de Camillis, direttore area retail NielsenIQ, “mostrano che la Gdo è diventata il canale di approvvigionamento di questi prodotti non solo per i consumatori, penalizzati dalle restrizioni sanitarie, ma anche per gli esercenti”.

Torna in cima