Il Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale festeggia 25 anni di Igp e 20 di Consorzio

San Martino in Campo (Pg) – Il Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale celebra quest’anno 25 anni di Igp e 20 anni di Consorzio. I due anniversari accompagneranno per tutto l’anno le attività del Consorzio, con eventi e iniziative – che coinvolgeranno tutti i protagonisti della filiera – dedicate alla conoscenza e alla promozione del primo marchio di qualità per le carni bovine fresche approvato dall’Ue per l’Italia. “Nel 2023 celebreremo la grande intuizione avuta dai nostri allevatori oltre 30 anni fa, quando chiesero all’Ue il riconoscimento di una certificazione di qualità sulla carne delle razze bovine tipiche del centro Italia – Chianina, Marchigiana e Romagnola – ritenendolo l’unico modo per difendere e valorizzare l’intero settore bovino dei nostri territori”, spiega Andrea Petrini, direttore del consorzio. “Il tempo ha dato loro ragione. Solo grazie alla certificazione, in questi 25 anni la carne delle tre razze nate e allevate nel nostro territorio ha visto e continua a vedere un aumento di richiesta dal mercato, con un progressivo incremento dei capi allevati, degli allevamenti e delle macellerie controllati dal sistema di certificazione”. La filiera oggi conta infatti 3.218 allevatori in otto regioni del Centro Italia, 77 mattatoi, 77 operatori commerciali, 123 laboratori di sezionamento e 997 macellerie.

Torna in cima