La crisi delle materie prime danneggia anche lo Champagne

2021-11-24T11:41:35+01:0024 Novembre 2021 - 11:41|Categorie: Vini|Tag: , , |

Milano – L’Unione italiana vini riporta la situazione di emergenza in Francia riguardo alla produzione di Champagne. Il settore sta soffrendo di una grave mancanza di materie prime per confezionare le bottiglie e ciò si ripercuoterà sulla quantità che potrà essere distribuita a ristoranti e Gdo per il periodo natalizio. Nel breve periodo la filiera italiana, secondo Paolo Castelletti, segretario generale di Uiv, “sarà in grado di gestire gli ordini” e si gioverà della mancanza di concorrenza. “Per fortuna per il prodotto italiano la situazione è ben diversa e, salvo eccezioni, il made in Italy sarà in grado di gestire gli ordini”, prosegue. Ma la crisi porterà inevitabilmente a dei rincari del prodotto finito che “è bene siano assorbiti da tutti, non solo dalla catena produttiva”, continua Castelletti. Il settore dei vini spumanti italiani è comunque in salute, come dimostra l’aumento del valore del prodotto esportato del 40% in valore e del31% in volume tra gennaio e settembre, con un +50% in volume tra luglio e settembre rispetto allo stesso periodo del 2020.

Torna in cima