L’incertezza degli italiani è assodata, ma guardando ai settori ci sono sorprese, dice l’Assirm

2022-10-05T08:30:18+01:005 Ottobre 2022 - 08:30|Categorie: in evidenza, Mercato|Tag: |

Di Giulio Rubinelli

Il 99% del panel di 4mila intervistati da Assirm, l’ Associazione che riunisce le aziende italiane che svolgono Ricerche di mercato, sondaggi di opinione e ricerca sociale, si dice d’accordo che stiamo attraversando un momento di incertezza. Il 52% sono persone che hanno speranza nel futuro a condizione che ognuno faccia la propria parte.

Interessante l’approfondimento sulle aree di incertezza:

E’ il lavoro al centro della preoccupazione degli italiani, ma anche l’economia e la sanità e l’ambiente. La cultura e l’istruzione preoccupano molto meno, come il calo demografico, anche se poi sono all’origine di nostri molti guai.

In fondo con il 10% la religione, interesse di uno zoccolo piccolo ma duro della popolazione italiana.

 

La ricerca di Assirm riguardo al lavoro individua cause e conseguenze:

 

Molto lucide le risposte sull’ambiente:

 

In conclusione, gli italiani dimostrano di avere ben chiaro in mente quali sono gli ambiti che stanno attraversando un periodo di turbolenza, ne identificano bene le cause e le conseguenze e per il 52% nutrono atteggiamenti costruttivi e di fiducia.

Per avere una panoramica completa delle tematiche e approfondire nel dettaglio i risultati delle indagini realizzate dall’Associazione è possibile partecipare in modalità sia fisica che digitale alle due giornate dell’Assirm Marketing Research Forum in programma l’11 e il 12 ottobre presso l’Enterprise Hotel Milano.

 

Torna in cima