Ortofrutta: consumi calati del 5,5% rispetto a settembre 2021

2022-11-04T17:55:53+01:004 Novembre 2022 - 17:55|Categorie: Ortofrutta|Tag: , , |

Milano – Rispetto a settembre 2021, nel settembre 2022 sono calati i consumi del reparto ortofrutta (-5,5%); il valore in crescita del +2,5% si fonda sull’aumento del mix prezzi di 8 punti (13 punti se si considera solo la verdura) legato all’inflazione. Questi i dati di Iri Liquid Data elaborati dal monitor ortofrutta Agroter. L’uva ha i risultati peggiori: i consumi sono calati del 17,2%. Registrano un calo anche banane e mele (poco meno del -1%), kiwi (-12,5%) e prugne e susine (-11,4%). Le pere si attestano a un timido +0,5%. Unica eccezione, pesche e nettarine, che sfoggiano un +2,5% a valore e un +9,7% a volume, aiutate dal meteo favorevole e da una disponibilità abbastanza buona (che ha portato a una flessione dei prezzi di 7 punti rispetto all’anno scorso). Riguardo alle verdure, vediamo i consumi dei finocchi calati del 20%, e quelli della zucchina del 12,7%. Male anche peperoni (-10,5%), funghi (-9,2%) e crucifere (-9,1%). Insalate e pomodori registrano rispettivamente -1,7% e -2,2%. Di segno opposto patate (+1,9%), cipolle (+1,7%) e carote (+5,6%).  Riguardo a IV e V gamma, calano i consumi di insalate mono (-3,3%) e di frutta (-13,4%).

Torna in cima