Pos: in arrivo doppie sanzioni per chi nega pagamenti elettronici

2022-05-10T11:20:07+01:0010 Maggio 2022 - 11:20|Categorie: in evidenza, Mercato|Tag: , , , , |

Roma – Dal 1° maggio 2022 obbligo di invio giornaliero di tutti i dati relativi ai pagamenti elettronici o digitali. Senza distinzione fra b2b e b2c, a cura degli intermediari che emettono carte e bancomat. E dal 30 giugno 2022 sanzioni amministrative per chi rifiuta l’uso del Pos. Sono i tentativi del Fisco per limitare l’uso del contante, i pagamenti in nero e la pratica del ‘pre-conto’. Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legge 30 aprile n. 36, il Governo anticipa (erano previste dal 1° gennaio 2023) le misure per rendere più efficace l’obbligo di accettare pagamenti con carte da parte di esercenti e professionisti. I quali, se rifiuteranno questo genere di saldo, rischieranno una sanzione fissa di 30 euro e un’altra pari al 4% del valore complessivo della transazione non tracciata. Non è ancora chiaro come verranno intercettate queste irregolarità, ma nel frattempo il Fisco chiarisce di non interessarsi, nel pieno rispetto delle regole sulla privacy, ai dati del cliente che acquista.

Torna in cima