Prosciutto di Parma: +6% per le vendite di affettato nel 2021

2022-02-09T13:04:49+01:009 Febbraio 2022 - 13:04|Categorie: Salumi|Tag: , , |

Parma – Ottimi risultati per il prosciutto di Parma in vaschetta nel 2021: le vendite sono infatti cresciute di circa il 6% e per la prima volta sono stati superati i 2 milioni di prosciutti affettati per oltre 100 milioni di confezioni. In Italia l’aumento è stato di circa il 12%, pari a 30 milioni di confezioni vendute. “Il preaffettato sta dimostrando anno dopo anno tutta la sua forza: le vendite nel 2021 sono state favorite dal confinamento imposto dalla pandemia, dai prezzi e dall’allungamento della shelf-life della vaschetta, ma si tratta di un trend destinato a durare e a consolidarsi sempre più. Per questo è importante continuare a investire per crescere soprattutto all’estero, ha dichiarato Alessandro Utini, presidente del Consorzio del Prosciutto di Parma. “Sui mercati internazionali lavoreremo come lo scorso anno per consolidare questi brillanti risultati definendo delle iniziative promozionali con alcune grandi catene della Gdo europea; questo ci permetterà di fidelizzare i consumatori e di valorizzare il prodotto e la sua facilità di utilizzo”. Nel 2021 sono state esportate 72 milioni di vaschette, in aumento del 3% rispetto all’anno precedente. L’Europa resta il mercato più importante per il Prosciutto di Parma preaffettato: nel Vecchio Continente, Itala inclusa, viene venduto l’86% di tutto l’affettato del Parma, pari a 1.760.000 prosciutti affettati; i mercati extraeuropei, con gli Usa principale mercato, assorbono invece il 14% delle vendite, pari a 390mila prosciutti affettati.

Torna in cima