Salvatore Palitta lascia la presidenza del Consorzio del pecorino romano Dop

2020-09-09T09:15:57+01:009 Settembre 2020 - 09:15|Categorie: Formaggi|Tag: , , |

Sassari – Salvatore Palitta, presidente del Consorzio di tutela del pecorino romano Dop, lascia la carica dopo quattro anni e mezzo. Un periodo intenso in cui il settore si è trovato alle prese con la protesta dei pastori nel 2019, lo scoglio dei dazi Usa, quindi le difficoltà legate alla pandemia. Palitta, che non potrà essere rieletto, ha scelto di non restare nemmeno nel Cda del Consorzio, che si riunirà oggi in assemblea per l’elezione dei nuovi membri del consiglio, che a sua volta nominerà il successore del presidente uscente. Nessuna candidatura, però, è ancora stata avanzata. Il Consorzio del pecorino romano Dop coinvolge oggi 12mila aziende zootecniche, circa 25mila addetti e 40 caseifici con un valore di produzione di 230 milioni di euro, che genera un commercio dal valore stimato di 480 milioni di euro.

Torna in cima