Asiago Dop: nel 2018 vendite in crescita dell’1,6%, in Italia

Asiago (Vi) – Una crescita costante per entrambe le tipologie, con 1.582.108 forme totali prodotte; quotazioni in aumento, soprattutto per l’asiago Dop stagionato; scorte ai minimi storici e incremento delle vendite in Italia sia in quantità (+1,6%) sia a valore (+1,7%), in controtendenza rispetto al comparto dei formaggi semiduri. Cui si aggiungono importanti iniziative di tutela internazionale in mercati strategici come Cina, Giappone e Messico. Sono questi i dati più significativi del bilancio 2018 presentato, ad Asiago, all’assemblea dei soci del Consorzio (foto) con la quale si chiude il mandato quadriennale del presidente Fiorenzo Rigoni e si aprono le celebrazioni per i quarant’anni dalla fondazione della Dop veneto-trentina. In dettaglio, l’asiago Dop stagionato, prodotto in 241.331 forme (+8.794 forme pari al +3,78% dal 2017), segna un consistente aumento portando la sua crescita, nell’ultimo biennio, all’8,81%. Un risultato premiato da vendite in crescita del 9,8% e da un aumento delle quotazioni, su base annua, del +4,92%. Positiva anche la performance dell’asiago Dop fresco, con 1.340.777 forme prodotte (+1.948 forme pari a un +0,15% rispetto al 2017), che ha registrato un lieve incremento di vendite (+0.21%) e un aumento medio delle quotazioni a vantaggio dei produttori dell’1,32%. Quanto all’export, infine, il principale mercato di sbocco si conferma quello statunitense, seguito da Svizzera e Francia che, nel 2018, ha rappresentato il primo paese dell’Unione europea superando la Germania. Cresce l’export in Canada, che aumenta a volume del 33,6% e a valore del 23,8%, anche grazie al progetto europeo triennale “Uncommon Flavors of Europe” e all’entrata in vigore del Ceta.


ARTICOLI CORRELATI