Ccpb critico sull’approvazione del nuovo regolamento Ue per il settore biologico

Bologna – Ccpb critico nei confronti del testo del nuovo regolamento comunitario su “Produzione biologica ed etichettatura dei prodotti biologici” approvato oggi in seduta plenaria dal Parlamento Europeo. Già in passato, l’ente aveva fatto proprio il giudizio negativo del The European Organic Certifiers Council, associazione che raggruppa i principali organismi di certificazione europei. Due punti, in particolare, sotto la lente d’ingrandimento: la mancanza di omogeneità tra i vari Paesi nel definire la soglia massima di residui presenti nei prodotti biologici e l’eliminazione della visita ispettiva annuale per aziende considerate non a rischio.

 

In foto, Fabrizio Piva, presidente Ccpb


ARTICOLI CORRELATI