Doc Prosecco: via libera alla versione rosé

Treviso – Il Prosecco Doc sarà presto anche rosé. A sancirlo il Consorzio della Denominazione, che ha approvato la modifica al disciplinare che fino ad ora limitava al solo vitigno Glera, insieme a poche altre tipologie a bacca bianca – ma in piccole percentuali –, l’uvaggio consentito nella produzione delle note bollicine made in Italy. Con la decisione presa è stata introdotta la possibilità di servirsi anche di Pinot nero. Una varietà che consentirà ai produttori che lo decideranno (e ai molti che già in portfolio hanno una bollicina di questo tipo) di presentare una versione Doc in rosa, andando incontro alla crescente richiesta dei mercati per i vini rosé. Il Consorzio ha stabilito che la nuova produzione sarà identificata come “Prosecco spumante rosé millesimato” e potrà contenere dal 10% al 15% di Pinot nero vinificato in rosso.


ARTICOLI CORRELATI