Assocaseari, il punto settimanale sul mercato: invariati i bollettini di latte e burro. In aumento i duri Dop nazionali

2020-10-26T11:12:05+01:0026 Ottobre 2020 - 11:12|Categorie: Formaggi|Tag: , , |

Cremona – L’analisi degli andamenti della scorsa settimana, a cura di  Assocaseari, rivela che la scorsa è stata una settimana ‘normale’, nonostante il Covid. Di seguito il commento integrale, firmato da Emanuela Denti e Lorenzo Petrilli:

– Sui mercati esteri non ci sono stati cambiamenti di rilievo. Il latte crudo viene offerto tra 0,38 e 0,42 €/kg a seconda della provenienza, inutile aggiungere che quasi nessuno lo compera, e il latte scremato resta tra 0,23 e 0,24 €/kg. La crema invece è sempre un capitolo a parte, questa settimana una nuova piccola discesa con offerte che oscillano tra 1,75 €/kg dalla Spagna e 1,78 €/kg dalla Germania. I suddetti prezzi si intendono franco arrivo nord-Italia. Sul mercato nazionale, il latte crudo oscilla tra 0,35 e 0,36 €/kg partenza. Invariato lo scremato che resta tra 0,20 e 0,21 €/kg. La crema nazionale di qualità è anche qui una storia a sé, con ancora carenza di disponibilità e poca merce scambiata sullo spot. Il mercato potrà cambiare una volta che tutto il latte andrà a formaggio e vi sarà quindi un po’ più di crema disponibile.

– Guardando i bollettini del burro, tutti e tre più che mai invariati, ed è la prima settimana dopo molte variazioni, verrebbe da pensare che lo stato di ansia e di incertezza dato dalla pandemia pesi anche molto sul mercato. La Germania è rimasta a 3,40-3,55 €/kg, l’Olanda a 3,35 €/kg e la Francia a 3,38 €/kg. Invariato di conseguenza anche il prezzo medio dei tre bollettini presi in considerazione rimasto a 3,402 €/kg. Anche la situazioni del mercato non è cambiata, con poca disponibilità di prodotto fresco e l’offerta di burro congelato stabile a 3,50 €/kg. Un po’ più di difficoltà a reperire il burro di siero. Scambi solo sul brevissimo.

– Nel latte in polvere i bollettini sembrano assai più vivaci, con l’intero aumentato in Olanda e Francia e invariato in Germania, e lo scremato per uso alimentare invariato in Germania, salito in Olanda e sceso in Francia. Sul mercato invece le offerte restano stabili con scambi quasi solo sull’immediato.

Siero in polvere: quotazioni stabili in Germania e in Olanda, in ribasso in Francia.

– In Italia, quotazioni dei formaggi duri Dop nazionali in aumento, in modo più marcato quelle del Parmigiano Reggiano rispetto a quelle del Grana Padano. Quotazioni medie Ue stabili per il Cheddar a 3,05 €/kg e l’Edamer a 3,12 €/kg, in aumento per il Gouda a 3,17 €/kg e l’Emmentaler a 4,85 €/kg.

Torna in cima