Bio, Mammuccini (FederBio): “La crescita a valore del +1,6% è troppo bassa, serve aumento dei consumi”

2023-01-23T13:03:51+01:0020 Gennaio 2023 - 15:13|Categorie: Bio|Tag: , , , , |

Bologna – I dati Nielsen presentati da Nomisma a Marca 2023 mostrano che il bio è cresciuto, nella distribuzione moderna italiana, dell’1,6% a valore e dell’1,5% a volumi. Numeri positivi, “ma non bastano”, commenta la presidente di FederBio Maria Grazia Mammuccini. “L’1,6% è una percentuale troppo bassa se si considera che l’obiettivo, in linea con le politiche del Green Deal Eu, è di triplicare le superfici coltivate a bio entro il 2030. Diventa quindi fondamentale far crescere i consumi consolidando le iniziative di formazione ed educazione alimentare per spiegare con chiarezza come vengono prodotti gli alimenti biologici nel rispetto della natura e i benefici per la tutela del suolo, della biodiversità, oltre che evidenziare il contributo per la mitigazione al cambiamento climatico”.

È evidente che non bastano sconti e promozioni per promuovere il settore”, ha affermato Roberto Zanoni, presidente di AssoBio. “Per questo motivo lanciamo l’idea di una Settimana del Bio da attuarsi in tutti i canali di vendita, compresa la ristorazione, per raccontare meglio la filiera e per creare una vera cultura del biologico nel nostro paese”.

Nel 2022, in Italia l’89% delle famiglie ha acquistato alimenti bio almeno una volta. 7 consumatori su 10 sono soddisfatti della presenza di prodotti biologici freschi. Il 62% valuta positivamente la disposizione dei prodotti bio sugli scaffali all’interno dei punti vendita. 6 consumatori su 10 vorrebbero avere informazioni più dettagliate sulle caratteristiche, sul metodo di produzione e sui valori nutrizionali degli alimenti biologici. Nello specifico, il 58% vuole saperne di più sui benefici che il prodotto può apportare a dieta e salute; la stessa percentuale chiede anche ulteriori dettagli sulla distintività del biologico rispetto al convenzionale. Più di 6 consumatori su 10, inoltre, vogliono avere maggiori informazioni sul contributo del bio alla sostenibilità.

Torna in cima