Grana Padano, con il Piano 2022-2024 si produrrà il 2,2% in più rispetto al 2021

2021-12-13T16:37:27+02:0013 Dicembre 2021 - 16:37|Categorie: Formaggi|Tag: , , , |

Desenzano del Garda (Bs) – Via libera al Piano produttivo 2022-2024 dall’Assemblea generale del Consorzio di tutela del Grana Padano, che si è svolta lo scorso 26 novembre (leggi qua). Approvato con il 96% dei voti, il nuovo piano darà la possibilità di aumentare dell’1% la quota produttiva di ogni caseificio che lo richieda e aggiungerà il quantitativo che era stato decurtato durante la pandemia. L’incremento rispetto al proprio riferimento produttivo potrà essere ottenuto da ogni caseificio che ne farà domanda, versando un contributo associativo una tantum di 250 euro per ogni forma. Tali risorse saranno poi destinate alle attività promozionali del 2022 con l’obiettivo di aumentare i consumi. Il caseificio che intende beneficiare di questa opportunità dovrà presentare la domanda al Consorzio entro il 31 gennaio prossimo. Il pagamento di questo contributo straordinario sarà diviso in dieci rate tra il 31 marzo 2022 e il 31 dicembre 2022. E’ stato inoltre deciso di ripristinare l’intera quota produttiva, che era stata ridotta a causa dell’emergenza pandemia. “Sommando i due incrementi sarà possibile arrivare, nel 2022, a produrre il 2,2% in più rispetto all’anno precedente”, garantisce il direttore generale del Consorzio Stefano Berni.

Torna in cima