Il Consiglio regionale lombardo dice no alla carne sintetica

2022-11-11T10:56:51+01:0011 Novembre 2022 - 10:55|Categorie: Carni|Tag: , , , |

Milano – Regione Lombardia ha detto no alla produzione e commercializzazione della carne sintetica all’interno del territorio regionale. Il Consiglio regionale ha infatti approvato la mozione presentata dal gruppo della Lega a sostegno della petizione mondiale – promossa e supportata da World Farmers Markets Coalition, World Farmers Organization, Farm Europe, Coldiretti e Filiera Italia – contro la carne sintetica e il cibo prodotto in laboratorio. L’approvazione della mozione impegna ora il presidente Attilio Fontana e la giunta “a difendere, in sede di conferenza Stato-Regioni e nei rapporti con il ministero dell’Agricoltura, le filiere agro zootecniche lombarde minacciate dalla diffusione del cibo da laboratorio”. Per l’assessore lombardo all’Agricoltura Fabio Rolfi questa presa di posizione rappresenta “un atto istituzionale e politico di grande rilevanza”. “Il cibo sintetico è una minaccia alle produzioni agroalimentari e al sistema zootecnico lombardi che sono tra i più sostenibili al mondo”, spiega Simone Giudici, consigliere regionale della Lega.  “Giocando sull’inganno di poter salvare il pianeta, le multinazionali nascondono i colossali interessi commerciali e speculativi che finiscono per minacciare i nostri giovani con l’inquinamento chimico per via alimentare oltre a danneggiare il settore agroalimentare in Lombardia con le sue 52mila imprese, 126mila dipendenti e un fatturato di oltre 25 miliardi di euro”.

Torna in cima