In Francia c’è una nuova legge sui rapporti industria-distribuzione

2023-01-20T09:25:11+01:0020 Gennaio 2023 - 09:25|Categorie: Il Graffio, in evidenza, Retail|Tag: , , |

Di Luigi Rubinelli

In Francia si sta sviluppando un grande dibattito su una legge che sta per essere approvata definitivamente sui rapporti industria-distribuzione, particolarmente tesi in questo periodo di alta inflazione.

Il disegno di legge è stato presentato a metà gennaio da Frederic Descrozaille, del partito Renaissance e parte dal fatto che al 1° di dicembre di tutti gli anni prezzi e condizioni di vendita dei prodotti siano discussi fino al 1° di marzo. L’interruzione della negoziazione non interrompe il contratto. Il buyer della grande distribuzione continua quindi a fissare i suoi acquisti e il fornitore è obbligato a consegnare i prodotti alle tariffe dell’anno precedente. Secondo Descrozialle questa condotta è troppo favorevole alla grande distribuzione.

Nel nuovo testo presentato dal deputato Descrozaille e approvato a maggioranza dall’Assemblea Nazionale il 18 gennaio viene istituito un periodo di un mese nel quale un mediatore nominato dal ministero dell’Economia cercherà un punto di equilibrio nella trattativa affinché entrambe le parti si accordino su un preavviso di interruzione commerciale o su un rilancio della stessa. Se la mediazione non avrà effetto la relazione fornitore-distributore può essere interrotta senza l’obbligo di consegna della merce da parte del fornitore.

La grande distribuzione francese e i suoi organismi pensano che questo porterà ad un aumento dei prezzi e quindi dell’inflazione, perché nessun retailer potrà opporsi ad un aumento dei prezzi proposto dal fornitore.

 

Torna in cima