Oscar Farinetti: “Per Eataly due anni terribili con la pandemia. Ora guardiamo a Usa e Asia”

2022-09-23T10:58:44+02:0023 Settembre 2022 - 10:58|Categorie: in evidenza, Mercato|Tag: , , |

Milano – Oscar Farinetti commenta l’ingresso di Investindustrial in Eataly, che ha rilevato il 52% del gruppo. In un’intervista al Corriere spiega: “Non stiamo abbandonando l’azienda, perché Eataly non è abbandonabile”. L’azienda ha chiuso il 2021 con una perdita netta di circa 22 milioni, che salgono a 31 a livello consolidato. I ricavi sono 464 milioni. Complessivamente, l’indebitamento del gruppo ha superato i 200 milioni, di cui 105 verso Sace. “La pandemia ci ha dato un colpo fortissimo, con tutti i ristoranti chiusi. Sono stati due anni terribili: non abbiamo mai licenziato nessuno, ma siamo stati costretti a mettere i dipendenti in cassa integrazione. L’Italia non cresce, abbiamo avuto difficoltà soprattutto al Sud e due anni fa abbiamo chiuso il negozio-mercato di Bari”, prosegue Farinetti. Con l’operazione Investindustrial, Eataly guarda soprattutto a Stati Uniti e Asia: “Gli americani sono 326 milioni e hanno un’immagine e un desiderio pazzesco del food italiano e dei nostri piatti veri”. Andrea Bonomi aggiunge dettagli sul possibile approdo in Cina: “Un nostro team a Shanghai sta già lavorando al piano di espansione”. Il Corriere riporta poi che il nuovo Ad dovrebbe essere Andrea Cipolloni, ex Ad di Autogrill Italia ed Europa, che subentrerebbe a Nicola Farinetti.

Torna in cima