Valori di ammoniaca alti in uno stabilimento Fileni (2). L’azienda: “Affermazione completamente infondata”

2022-09-26T16:11:15+01:0026 Settembre 2022 - 15:56|Categorie: Carni, in evidenza|Tag: , , |

Meda (Mb) – Riceviamo e pubblichiamo la risposta di Fileni in merito all’interrogazione presentata dall’eurodeputata Eleonora Evi alla Commissione Ue (leggi qui).

In merito alle emissioni di ammoniaca è importante sapere che non esiste un limite di legge, né deliberato a livello nazionale né a livello europeo, per i valori di ammoniaca nell’aria. Esiste un’unica indicazione guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che propone, ma non obbliga, il rispetto di un valore medio giornaliero per l’ammoniaca pari a 270 µg/m3, il quale risulta – come rilevato dall’ARPAM – sempre ampiamente rispettato presso l’allevamento di Ripa Bianca, anche nel mese di agosto. Peraltro, nessuna presenza anormale di emissioni di ammoniaca è stata rilevata dalle Autorità competenti e l’affermazione di rilevanti emissioni di tale sostanza è completamente infondata.

Per quanto riguarda il diverso tema relativo all’allevamento di Monteroberto, si tratta di una situazione puramente burocratica e non riferibile a negligenze o comportamenti scorretti del Gruppo. L’allevamento, infatti, opera dal 2020 con tutte le necessarie autorizzazioni e nel pieno rispetto di tutte le normative previste. La sentenza del Consiglio di Stato ha evidenziato unicamente una discordanza urbanistica tra il Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Ancona e il Piano Regolatore Generale del Comune, la cui risoluzione è prerogativa degli enti territoriali, attraverso una delibera ad hoc. Nessuna violazione della specifica disciplina ambientale, applicabile all’insediamento, è riscontrabile. Fileni, con oltre 2.000 dipendenti e un indotto di circa 1.500 lavoratori, è da sempre attento al territorio e al rispetto delle leggi vigenti, e ribadisce la sua piena disponibilità a un dialogo aperto con i cittadini e le istituzioni”.

Torna in cima