Accordo Ue-Mercosur: appello di Unione Italiana Vini per l’eliminazione dei dazi e la tutela delle Ig

Roma – Unione Italiana Vini lancia un appello affinché il comparto venga salvaguardato nell’ultima fase del negoziato commerciale Ue-Mercosur. In particolare, a venire domandata è l’eliminazione completa dei dazi sul vino fin dall’entrata in vigore del trattato. “Dopo diversi anni di lavoro tecnico e intense discussioni, l’accordo commerciale Ue-Mercosur si avvicina finalmente alle ultime fasi”, sottolinea Paolo Castelletti, segretario generale Uiv. “Dall’esito degli ultimi cicli di negoziati, purtroppo, abbiamo appreso che le proposte di concessioni in materia tariffaria per il settore del vino sarebbero estremamente insoddisfacenti, in quanto il Mercosur propone un’eliminazione delle barriere tariffarie dopo 15 anni dall’entrata in vigore dell’accordo. Tale proposta è inaccettabile. In questo modo, il vino italiano non trarrebbe alcun beneficio a breve e medio termine dalla conclusione dell’accordo e i vini argentini e cileni continuerebbero a rafforzare le loro quote di mercato in Brasile”. Altro tema caldo è quello della difesa delle Denominazioni. “Una seconda questione cruciale per le imprese vinicole dell’Ue è la protezione delle Indicazioni geografiche”, riprende Castelletti. “Nel corso dei negoziati, abbiamo sempre sottolineato, in particolare, l’urgenza di ottenere la protezione della Dop Prosecco, utilizzata nei Paesi Mercosur come nome di varietà”.

In foto, Paolo Castelletti, segretario generale Uiv


ARTICOLI CORRELATI