Dietrofront: il ministero della Salute assolve le carni rosse

Roma – Le carni costituiscono un’importante fonte di proteine ad alto valore biologico e il loro grado di nocività dipende soprattutto dalle abitudini di cottura e trasformazione. È questa la posizione espressa da un comunicato diffuso oggi dal ministero della Salute, in seguito alle conclusioni a cui è giunto il Comitato nazionale per la sicurezza alimentare (Cnsa) dopo un’istruttoria che si è protratta per gli ultimi tre mesi. Nel merito scientifico, la Sezione del Comitato ha ricordato che “l’insorgenza dei tumori è un evento derivante da più fattori di natura individuale, comportamentale e ambientale, tra i quali vanno considerate anche le abitudini alimentari”. Un dietrofront, insomma, rispetto alle notizie diffuse in questi mesi contro il consumo della carne rossa.


ARTICOLI CORRELATI