Latte, l’Ad di Lactalis Italia: “Il settore caseario italiano deve riformarsi”

Milano – All’indomani dell’accordo sul prezzo del latte, raggiunto il 27 novembre, l’amministratore delegato di Lactalis Italia, Jean-Marc Bernier, dice la sua sulla trattativa con gli agricoltori e sul settore caseario in generale, dalle colonne de Il Sole 24 Ore. In una lunga intervista, pubblicata sabato 28 novembre, Bernier si dice “amareggiato da come gli allevatori hanno parlato di noi. Di vederci descritti come dei succhia sangue senza scrupoli, quando è vero tutto il contrario”. Il Gruppo, spiega ancora l’amministratore delegato, investe ogni anno oltre 50 milioni di euro in Italia per il miglioramento produttivo e le attività di marketing. Circa i propri conferenti, Bernier aggiunge: “Abbiamo rapporti consolidati e storici e abbiamo sempre rispettato i contratti firmati […]. Già da settembre avevamo deciso di non ridurre il prezzo di riferimento del latte, pur sapendo che con le tendenze generali il mercato sarebbe arrivato a a 33 centesimi al litro a novembre”. Secondo Bernier, l’accordo non risolve ovviamente i problemi del settore, che necessita di riforme strutturali per essere competitivo. E infine chiosa: “Nonostante gli attacchi al nostro gruppo, gli sforzi li abbiamo fatti. Ora però ci poniamo davanti a una serie di domande sul nostro futuro business in Italia”.


ARTICOLI CORRELATI