Mercato all’origine, trend settimanale: mercato stabile, in flessione i grana a denominazione

Milano – Secondo i dati Ismea diffusi da Assocaseari, è proseguita anche nella ventunesima settimana di calendario, dal 20 al 26 maggio, la tendenza già evidenziata nell’ultimo periodo, con un mercato sostanzialmente stabile per l’intero comparto caseario, con l’eccezione per i due formaggi grana a denominazione. Infatti, le flessioni della scorsa settimana sulla piazza di Parma per le produzioni di parmigiano reggiano Dop di 18 e 24 mesi, sono state recepite in questa ottava anche da Modena e Reggio Emilia. Ora le quotazioni sulle piazze emiliane risultano quasi coincidenti. I centri di scambio lombardi mostrano invece una miglior tenuta dei listini. Gli scambi restano sostanzialmente nella norma
con, naturalmente, qualche difficoltà in più per la produzione di 24 mesi. Per ciò che concerne il grana padano Dop non sono emerse novità di rilevo, con quotazioni ferme sulla maggior parte dei centri di contrattazione. Gli unici segnali negativi che hanno portato questa settimana ad un cedimento dei listini si sono avuti sulle piazze di Piacenza e Brescia, che limano i propri corsi di 5 centesimi rispetto a sette giorni fa. I dati export restano soddisfacenti per entrambi i formaggi grana a denominazione, sempre difficile la situazione delle vendite al consumo interno.