Il Gruppo Brazzale presenta Silvi Pastoril, un innovativo sistema di allevamento

Milano – 600mila alberi di alto fusto piantati, pari a circa 300 per ogni bovino allevato, che si estendono su un’area di 650 ettari, dove pascolano liberamente 2mila capi. Sono i numeri del sistema Silvi Pastoril del Gruppo Brazzale impiantato in Brasile, nella regione dl Mato Grosso do Sul, che con il suo pascolo riforestato realizza un modello innovativo, con l’obiettivo di offrire una risposta virtuosa e sostenibile alla crescente domanda di consumo di carne.  Il progetto Silvi Pastoril è stato presentato oggi, mercoledì 7 ottobre a Milano, da Roberto Brazzale, presidente del Gruppo Brazzale insieme al fratello Piercristiano, responsabile tecnico del gruppo, e a Vittorio Maronese direttore di Agropecuaria Ouro Branco e responsabile del progetto. A Milano erano presenti i docenti universitari autori della ricerca condotta in Brasile sul progetto: Giselle Feliciani Barbosa, Universidade Estadual de Mato Grosso do Sul (UEMS), Brasil Prof Wol_Camargo, Marques Filho, Universidade Anhanguera-Uniderp, Brasil. Accanto a loro Alberto Mingardi, direttore generale dell’Istituto Bruno Leoni, Luigi Mariani, dell’Università degli Studi di Milano e Giordano Masini, caporedattore Stradeonline e collaboratore de Il Foglio