Procedura di infrazione, latte in polvere: la Ue proroga i termini per la risposta italiana

Roma – La Commissione europea, su richiesta dell’Italia, ha deciso di prorogare fino al 29 settembre 2015 il termine di risposta alla lettera di avvio della procedura di infrazione in merito al divieto di impiego di latte in polvere nelle produzioni lattiero casearie. Immediata la reazione del ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina: “Vogliamo tutelare fino in fondo la qualità del lavoro dei nostri 35mila allevatori, così come è fondamentale che sia garantita la trasparenza delle informazioni al consumatore. Nella risposta che daremo alla Commissione articoleremo questi temi a supporto della nostra normativa, perché anche questa legge ha contribuito al successo del sistema lattiero caseario italiano nel mondo”.


ARTICOLI CORRELATI