Rapporto Ismea: in forte calo il consumo di carne, stabili i formaggi

Roma – Secondo l’ultimo rapporto dell’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (Ismea), si arresta il recupero dei consumi di carni fresche, mentre per il comparto dei lattiero-caseari il bilancio della spesa è sostanzialmente stabile. In calo infatti gli acquisti (in volume) della carne bovina fresca (-0.8%) e quelli della carne fresca ovicaprina, che crollano del 10.7%.
Anche se è in aumento la spesa rispetto al 2018, rallenta in generale la ripresa dei consumi domestici nel terzo trimestre 2019. Nei primi nove mesi del 2019 la spesa delle famiglie italiane per i prodotti agroalimentari è aumentata dell’0.8% rispetto all’analogo periodo del mese precedente. Per quanto riguarda invece i prodotti di derivazione animale, l’andamento dei consumi domestici per i prodotti lattiero-caseari è variegato: nei primi 9 mesi del 2019 si è registrato un calo generale degli acquisti (in volume) del latte e dei suoi derivati dello 0.8%, ad eccezione dei formaggi molli (+0.7%) e dei formaggi freschi (+0.8%). Forte calo invece dei formaggi duri (-4.2) e semiduri (-2.8%). Continua inoltre a diminuire l’acquisto di latte fresco (-2.1%) e latte Uht (-0.3).

Tags: , , ,

ARTICOLI CORRELATI